Il “Time” consiglia: scappa dall’affollata Toscana e scegli l’Abruzzo

La celebre rivista consiglia la regione italiana, e suggerisce due borghi splendidi (e poco noti) per una vacanza lontana dalle folle

 

Il consiglio arriva dal Time: se stavi pensando di organizzare le tue vacanze in Toscana, ma la folla non fa proprio al caso tuo, scegli l’Abruzzo. E non te ne pentirai.

A est di Roma, incastonata tra l’Adriatico e gli Appennini, l’Abruzzo è una regione dai contrasti splendidi: i parchi nazionali e le riserve naturali si alternano qui ai borghi medievali e rinascimentali, e città ricche di storia come L’Aquila s’accompagnano a insolite località di mare. Basti pensare alla Costa dei Trabocchi, con le sue calette e i tradizionali pontili usati per la pesca.

Time, però, suggerisce due mete particolari: Prezza e Pacentro. Due borghetti minuscoli, facilmente raggiungibili da Sulmona e casa di ristoranti straordinari, di agriturismi, di luoghi splendidi per una passeggiata. Senza dimenticare che, in quest’angolo d’Abruzzo poco noto persino agli italiani, i prezzi sono più che abbordabili.

Ma cosa c’è da vedere esattamente a Pacentro? Innanzitutto, il suo centro storico: il borgo si sviluppa infatti attorno alla Piazza del Popolo, con la fontana del Seicento e la chiesa di Santa Maria Maggiore o della Misericordia. E, soprattutto, coi palazzi signorili: la Rocca, sede del Municipio, palazzo Granata, palazzo Avolio e il seicentesco palazzo Tonno, dove una grossa pietra incavata (impiegata un tempo come unità di misura del grano) ricorda quando veniva utilizzata per farvi sedere chi non onorava i propri debiti, completamente nudo, così da essere schernito.

C’è poi il castello di Pacentro, una tra le strutture fortificate meglio conservate d’Abruzzo, e c’è la grotta di Colle Nusca che – non lontana dal centro – riporta pitture d’epoca rupestre.

Prezza è invece un suggestivo balcone sulla Valle Peligna, da cui godere di una vista splendida sulla Maiella e sul Gran Sasso. Abbandonato a seguito di terromoti ed emigrazione, le decadenti e malinconiche case del suo centro storico stanno lentamente tornando al loro originario splendore, grazie all’intervento di appassionati e di artisti (anche stranieri).

Visitare Prezza significa passeggiare tra archi e vicoletti, gradinate e camminamenti, facendo letteralmente un tuffo nel passato. Perché la bellezza dell’Abruzzo è proprio questa: è una regione ricca di scorci inatesi, in un cui l’emozione è dietro l’angolo.

Fonte: link

Aggiungi Commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *